Intervento
Home Su Costruzione Ampliamento Affreschi Beneficio Incendio Frane Intervento Restauri

 

L'INTERVENTO
DI UN SACERDOTE GENEROSO

(premere qui per le note a piè di pagina)

Testo estratto dal libro
Don Gianni Sala - Le chiese di Sondalo - Sondalo 1998

 

Negli anni 1784-'87 s. Marta doveva essere un'altra volta in condizioni miserevoli: vecchio ormai di due secoli il tetto lasciava gocciolare l'acqua e la travatura in legno, marcia in più parti, minacciava di crollare cosicché fu giocoforza correre ai ripari. A farsene promotore fu soprattutto il benemerito sacerdote sondalino don Bernardo Greco, titolare del beneficio della scolastica maggiore (33).

Spendendo in maggior parte del suo, egli pensò di elevare le pareti laterali addossando i pilastri portanti a quelle più basse già esistenti e di sostituire la copertura in legno con una volta. La chiesa subì in tal modo una trasformazione notevole e perdette la caratteristica architettonica primitiva.

E infatti lo Zaccaria commenta: "Opera lodevole da una parte, ma per l'altra da compiangersi perché deformò l'ordine architettonico".

Forse fu anche l'altezza del campanile a far sembrare la chiesa troppo bassa e a indurre il Greco a sopraelevarla; va detto tuttavia che le linee architettoniche attuali sono pur sempre molto eleganti e sobrie (34).

Piuttosto, nei decenni successivi s. Marta sembrò essere stata presa di mira dai militari. Oh, non che l'abbiano mitragliata, solo che ogni volta che delle truppe erano costrette a passare da Sondalo, andavano là ad alloggiare. E allora, si sa, i soldati non sempre dicevano il rosario o ammiravano gli affreschi del Giovannino. Successe negli anni 179899 al tempo dei Francesi, nel 1848 al tempo degli Austriaci, ancora nel 1848 al tempo del governo provvisorio della Lombardia, nel 1859 al tempo del Regno d'Italia, nel 1859 con l'arrivo di Garibaldi (allora le truppe vi sostarono tre mesi), nel 1866 sempre durante la guerra, nel 1888 e seguenti quando servì ad alcune compagnie alpine che compirono escursioni e manovre in questi paraggi (35).

Nel 1840 il prevosto Cristani rifece il pavimento e in quell'occasione commissionò pure la gradinata che immette nel presbiterio: cinque anni dopo lo stesso prevosto "fece miglioramenti all'altare maggiore corredandolo della piccola ancona in legno dorato" (36).

Il 27 ottobre 1869 s. Marta fu riconosciuta dal Regio Ministero come Monumento Nazionale e al rettore della stessa fu imposto l'ordine della più esatta e scrupolosa sorveglianza e conservazione (37).

Nel 1895 durante i lavori di ampliamento e di restauro della chiesa di s. Maria Maggiore, s. Marta, dopo essere stata anch'essa restaurata a cura del canonico Zubiani, servì da chiesa parrocchiale. Dopo di allora però, se si eccettuano alcune riparazioni al campanile nel 1913, fu di nuovo abbandonata, tant'è che il prevosto Zubiani nel calendario delle celebrazioni liturgiche solite a farsi nella parrocchia, ricorda s. Marta solo come una delle sette chiese che si visitano il lunedì santo e per la processione in occasione della festa di s. Bartolomeo. Probabilmente vi si celebrava anche la festa liturgica della santa patrona, ma poi non si andava certo molto più in là.

 

proseguire nella lettura >>>

 

<HomePage>   <Il progetto>   <Colophon>   <Registrazione>   <Collaborazioni>   <La biblioteca>   <Il Sommario>

Questo sito è una iniziativa personale di
Ferruccio C. Ferrazza
Tutti i diritti sono riservati.
ViaggiNellaStoria® è un marchio registrato.
ISSN 2284-3620

Ultimo aggiornamento: 19 aprile 2016